Venezia: Bel suol d'amore

Esperienze dal bel paese

Venezia: Bel suol d’amore 📣
maggio 9, 2017 paolo robaudi

Venezia: Bel suol d’amore 📣

 

Turisti a Venezia, Franceschini: “Non al numero chiuso”
Troppi turisti a Venezia? Franceschini: “Sono contrario a introdurre il numero chiuso”

Il membro del governo giovedì al Lido ha spiegato che si sta lavorando per favorire un tipo di visitatori diversi da quelli “mordi e fuggi”: “Le città devono continuare a vivere”

Turisti a Venezia, Franceschini: “Non al numero chiuso”
„Turisti “cafoni”, maleducazione e visite “mordi e fuggi”.

Prove di corsa e premi a punti
per i Supervigili di Venezia

Agenti scelti a concorso sulla base delle prestazioni su mille metri, salto in alto e sollevamento pesi. Incentivi per i vari tipi di sequestro e la capacità di multare con cortesia. No a candidate «ritoccate» e sfigurate

 

Dunque a Capodanno 🎄

eravamo a Venezia con amici, la sera del 31 siamo andati a vedere i fuochi d’artificio a piazza San Marco e fin qui tutto bene, dopo averli visti mi/ci è venuto un bisogno impellente di fare pipi, a quel punto ci siamo resi conto che non c’era neanche mezzo bagno in cui farla, sapete quei bagni chimici, che si, non sono il massimo della vita, siamo tutti d’accordo su questo, ma come sappiamo tutti, quando scappa, scappa!

 

 

Non è che si possa chiedere ad un barista italiano

all’una di notte di farti fare la pipi nel suo locale, prima di tutto perché ci sono file infinite, secondo bisogna consumare e terzo i ristoratori se non sei loro cliente, non ti ci fanno nemmeno entrare, quindi devi per forza andare a piedi da piazza San Marco a piazzale Roma, perché comunque i vaporetti ci sono ma sono tutti stracarichi e noi che dovevamo arrivare a Mestre, come fai a trattenerla, soprattutto, se prendi freddo?!

Invece è così, chi governa la città, dal sindaco al prefetto ⁉

a nessuno dei signori è venuto in mente di organizzare la festa di capodanno in laguna, dove c’erano almeno 100mila persone, ma hanno ragione loro, scusatemi che stupido, tutti i vips erano sui motoscafi in laguna a godersi lo spettacolo, mentre la marea di stronzi, provenienti da ogni angolo del mondo, hanno dovuto arrangiarsi pisciando sui muri di palazzi con 500 anni di storia!

Ora il paradosso e notare con quale rapidità 🚀

dopo che il governo ha depenalizzato il reato per chi urina in pubblico, in una multa che va dai 3000 ai 10000 mila euro, non pizza e fichi, si avete letto bene se vi trovano a pisciare su un muro rischiate anche 10000 mila euro di multa ed infatti l’amministrazione pubblica che fa, si dota di vigili urbani, fisicamente dotati, in grado di correre dietro al malcapitato che dovendo scegliere tra pisciarsi addosso e pisciare contro un muro, predilige la seconda.

Tornando al Ministro Franceschini 🚜

Nato a Ferrara, spero che ciò, lo abbia particolarmente dotato di quella sensibilità necessaria, alla tutela della bellezza e soprattutto, alla consapevolezza che questa bellezza sia di tutti, che non voglia fare l’enorme cazzata, di mettere il numero chiuso ai visitatori di Venezia, capisco contingentare le grandi navi, quello si, ma la proposta di porre un numero chiuso alla serenissima è quanto di più illiberale e anticostituzionale che la nostra classe politica, si possa inventare.

E’ ammirevole la solerzia con la quale, i nostri politici 🍌

Continuino ad inventarsi tasse e balzelli per rimanere dentro al ricatto imposto dall’Europa e continuare a mantenere tutti i loro privilegi a discapito di noi cittadini, ormai è solamente un esercizio quotidiano di stile, i problemi rimangono, anzi peggiorano e nessuno qui, è in grado di trovare una strada diversa, che non sia quella, del tassare di più, multare di più, proibire di più e via discorrendo, ne quelli di sinistra, ne quelli che li volevano aprire come scatole di tonno, ne tanto meno la destra figlia, del più grande corruttore impunito della storia della nostra repubblica, anche se rimane di gran lunga quello che mi ha fatto divertire di più, consentitemi.

 

paolo robaudi © 2017

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*